In collaborazione con cinque organizzazioni partner, il Consiglio d'Europa ha lanciato una piattaforma online per proteggere il giornalismo e promuovere la sicurezza dei giornalisti.

Attraverso questa piattaforma, le organizzazioni partner, ovvero Articolo 19, l'Associazione dei giornalisti europei, la Federazione europea dei giornalisti, la Federazione Internazionale dei giornalisti e reporter senza frontiere introdurranno segnalazioni concernenti le minacce alla libertà dei media e le porteranno all'attenzione delle istituzioni del Consiglio d'Europa.

Questa piattaforma dovrebbe facilitare la raccolta, il trattamento e la diffusione di informazioni concrete, verificate dai partner e riguardanti gravi minacce contro l'integrità fisica di giornalisti e di altri professionisti dei media, la riservatezza delle loro fonti e le diverse forme d'intimidazione politica o giudiziaria.

La piattaforma consentirà al Consiglio d'Europa di evidenziare gravi problemi relativi alla libertà dei media e ai diritti dei giornalisti, di reagire in modo più efficace alle segnalazioni e di avviare un dialogo con gli Stati membri interessati sui possibili rimedi e le eventuali misure di protezione. Anche le azioni di follow-up intraprese dal Consiglio d'Europa saranno incluse nella piattaforma.

In tutta l'Europa, i giornalisti e gli altri operatori dei media sono vittime di aggressioni e molestie, privati della loro libertà e a volte perfino uccisi a causa della loro attività professionale o dei loro servizi. Allarmati da questa situazione, il Consiglio d’Europa e le organizzazioni partner hanno deciso di creare questa piattaforma tramite la firma di un Memorandum d'intesa.